Badante Tuscolana

Questa scheda è stata visualizzata 83 volte

Può essere messa al servizio di un’azienda o di terzi? la prestazione di lavoro domestico, quindi anche l’attività lavorativa della Badante Tuscolana deve necessariamente: non avere scopo di lucro.

Del datore di lavoro essere resa all’interno dell’abitazione del datore; rispondere a un bisogno personale del datore e dei suoi familiari o conviventi. non è dunque possibile che il datore di lavoro metta, a scopo di lucro, la badante assunta a disposizione di terzi, o di un’azienda. in caso contrario, il contratto non può essere considerato di lavoro domestico. la badante è obbligata a convivere col datore?  la prestazione di lavoro della badante può essere svolta in regime di convivenza del lavoratore con il datore, o di non convivenza. il regime applicato dipende dagli accordi tra badante e datore di lavoro, e dal regime scelto dipende l’inquadramento dell’assistente familiare.

Secondo quanto stabilito dal contratto collettivo per il lavoro domestico, l’orario di lavoro deve essere concordato tra le parti, nei limiti massimi settimanali. la badante, come osservato, può svolgere la prestazione sia convivendo con il datore che in assenza convivenza  della badante non può essere superiore a 10 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali, nel caso di lavoratrice convivente; 8 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 40 ore settimanali, distribuite su 5 o su 6 giorni, nel caso di lavoratrice non convivente.

La Badante Tuscolana è obbligata a ricevere lo stipendio con mezzi tracciabili?  in generale il datore di lavoro domestico non è obbligato a erogare la retribuzione con sistemi di pagamento tracciabili. dal 2020, tuttavia, l’obbligo è previsto per poter detrarre in dichiarazione dei redditi il 19% del costo sostenuto (entro i limiti massimi previsti dalla legge) per gli addetti all’assistenza di persone non auto  sufficienti.  la badante, quindi, in quest’ipotesi è tenuta ad accettare il pagamento tracciabile, in quanto in caso contrario il datore di lavoro non può beneficiare della detrazione fiscale.  la badante deve pagare i contributi? la badante non è obbligata al pagamento diretto dei contributi: la quota di contribuzione a proprio carico è trattenuta dal datore di lavoro in busta paga  .

La badante deve pagare le tasse?  il datore di lavoro domestico non è un sostituto d’imposta, e non deve dunque trattenere irpef, addizionali ed eventuali imposte sostitutive dalla busta paga della badante e riversarle all’erario la retribuzione erogata alla badante, al netto della trattenuta contributiva, costituisce comunque un reddito da lavoro dipendente, facente parte dell’imponibile fiscale ai fini irpef. la badante dovrà dunque provvedere, per proprio conto, a dichiarare i redditi e a versare all’erario le relative imposte, sulla base della certificazione fornita annualmente dal datore, che deve indicare le retribuzioni erogate nell’anno di riferimento e l’importo trattenuto a titolo di contribuzione: questa dichiarazione sostituisce il modello cu (certificazione unica).

La Badante Tuscolana deve pagare i premi inail ? la badante non è tenuta a pagare i premi inail, anche se è assicurata contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali: non è infatti una casalinga, ma la sua posizione è assimilata a quella di tutti i lavoratori subordinati, assicurati a carico del datore di lavoro. per la precisione, i premi assicurativi inail sono compresi negli importi versati all’ Inps, che provvede direttamente ad attribuirli all’inail.la badante deve avvisare il datore di lavoro in caso d’infortunio.

Tel: 06455548090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.