Derattizzazione Tuscolana

Questa scheda è stata visualizzata 29 volte

Esistono varie modalità di intervento per procedere alla Derattizzazione Tuscolana di un ambiente ma la maggior parte di esse si basano sull’uso integrato di dispositivi a cattura ed erogatori di esca rodenticida ovvero dispositivi simili a contenitori (box) all’interno dei quali è contenuta un’esca alimentare con principio attivo tossico (in genere un anticoagulante) il quale, a seguito anche di una sola ingestione da parte del Roditore, in genere ne provoca la morte nell’arco di massimo un paio di giorni. Esistono anche esche tossiche contenenti veleno ad azione acuta ma il loro uso è sconsigliato poiché sono più pericolose per animali o persone che potrebbero accidentalmente ingerirle oltre che per il fatto che i Roditori, animali che imparano dalle esperienze anche dei loro simili, ben presto imparano ad evitare queste esche in quanto vi associano un pericolo. Le trappole a cattura invece possono essere di vario tipo e funzionare con sistemi meccanici che intrappolano i Roditori in modo più o meno cruento, ovvero provocandone la morte (trappole a scatto, trappole a colla, etc..) o lasciandoli in vita (gabbie di cattura).A meno che non si tratti di piccoli ambienti confinati o aree particolari, gli interventi con le sole trappole a cattura quasi mai sono risolutivi per cui è quasi sempre necessario combinare le trappole a cattura con i box erogatori di esche.

Derattizzazione Tuscolana

Nel programmare la Derattizzazione Tuscolana anche il posizionamento delle trappole è importante ai fini del successo dell’intervento e in questo senso le aziende specializzate sicuramente hanno maggiore esperienza tecnica e professionale. Successivamente all’intervento, una volta che nell’ambiente non sono più presenti segni di presenza di Roditori o comunque il consumo a carico delle esche si annulla o riduce drasticamente, è possibile procedere secondo diverse modalità. In genere, in ambienti particolarmente a rischio è consigliabile mantenere dei presidi per il monitoraggio dei Roditori sia in area esterna sia in area interna in modo permanente. Si tratta di dispositivi a cattura oppure con esche prive di tossicità che devono essere ispezionate con una certa frequenza in modo da accorgersi rapidamente se vi è una re infestazione  Negli ambienti interni, soprattutto in luoghi particolarmente critici (scuole, ospedali, centri di accoglienza per anziani, et) è buona norma accertarsi che le carcasse di Roditori siano rimosse e smaltite e che in caso di sospetta circolazione di questi animali nei luoghi frequentati dalle persone, ci sia un intervento di pulizia e disinfezione dei locali onde evitare la permanenza di agenti patogeni trasportati o trasmessi da topi e ratti. In alternativa a conclusione dell’intervento di derattizzazione si può decidere semplicemente di interrompere qualunque azione compreso il monitoraggio.

Derattizzazione Tuscolana

Anche in tal caso a seguito dell’asportazione dei dispositivi per la Derattizzazione Tuscolana e delle eventuali carcasse presenti nell’ambiente, i luoghi sottoposti a bonifica possono essere tranquillamente frequentati senza rischi ed è utile programmare la disinfezione. L’inefficacia di un intervento può dipendere da diversi fattori che sono legati all’operatività dei tecnici ma anche alla collaborazione del committente e alle condizioni ambientali In alcuni casi l’inefficacia può essere dovuta anche a comportamenti dei Roditori, fra cui bisogna tener presente l’atteggiamento di neofobia che li induce a evitare trappole ed esche, oppure la competizione alimentare molto forte ad esempio in quegli ambienti molto ricchi di alimenti disponibili (ad esempio magazzini alimenti sfusi o semi, supermercati, allevamenti zootecnici, mulini, mangimifici.

Tel: 0645548090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.